La Menorah

Secondo la tradizione ebraica, la Menorah originale, fatta interamente d’oro e d’un sol blocco, fu forgiata dalle mani di Mosè e simboleggia il rovo ardente in cui si manifestò la voce di Dio sul Monte Horeb, che gli chiese, tra le altre cose, di creare un oggetto destinato a diventare il simbolo della religione ebraica: “Farai una Menorah d’oro puro, il candelabro sarà lavorato a martello, il suo fusto e i suoi bracci, i suoi calici, i suoi bulbi e le sue corolle saranno tutti di un pezzo.” (Esodo 25,31)

La parola Menorah deriva dalla stessa radice di or, cioè luce.

Le sette luci della Menorah simboleggiano i 7 giorni della Creazione dell’Universo e la luce centrale corrisponde al sabato, il giorno in cui Dio si riposò.

La storia della Menorah originale, cioè quella forgiata da Mosè, è tuttora oscura.

Si ritiene che giunse a Roma quando Tito conquistò la Giudea (l’evento fu immortalato nell’Arco di Tito, sul Palatino). Sempre secondo questa tradizione, fu trafugata nel Sacco dei Vandali del 455 e, dopo alterne vicissitudini, giunse a Costantinopoli nel 534, grazie a Belisario. Da qui, però, si perdono le sue tracce.

Lo scrittore Stefan Zweig nella novella “Il candelabro sepolto” immagina che da Costantinopoli la Menorah sia ritornata rocambolescamente in possesso degli Ebrei.

La tradizione ebraica sostiene invece che la Menorah trafugata da Tito fosse soltanto una copia e che quella vera sarebbe stata nascosta in previsione della distruzione del secondo Tempio di Gerusalemme.

La Menorah è ancora oggi il simbolo universale della religione ebraica e si accende con la combustione di olio consacrato. È la lampada ad olio a sette bracci che nell’antichità veniva accesa all’interno del Tempio di Gerusalemme. Il progetto originale, la forma, le misure, i materiali e le altre specifiche tecniche si trovano per la prima volta nella Torah, esattamente nel Libro dell’Esodo.

La Cabala (uno dei testi sacri dell’ebraismo) descrive come dovrebbe avvenire l’accensione e lo spegnimento della Menorah. In questa tradizione, partendo dalla parte sinistra della Menorah vengono rappresentati simbolicamente i regni dell’Emanazione, della Creazione e della Formazione. La Menorah viene spenta partendo dalle luci all’estrema sinistra e all’estrema destra, spegnendo quindi i vari ‘regni’ progressivamente.

La Menorah compare sullo stemma ufficiale dello Stato di Israele.

Anna Maria

visita guidata tematica: Segreti e misteri del Ghetto ebraico