Villa Pamphilj: il più grande parco di Roma

La più grande villa urbana di Roma ha una storia veramente singolare.
Villa Pamphilj nasce per la megalomania di una donna, famosissima a Roma nel Seicento: Donna Olimpia Maildachini, destinata al convento dalla famiglia d’origine ma che contrarrà un vantaggiosissimo matrimonio che la lascerà, dopo soli tre anni, ricca vedova al punto di poter sposare il Principe Pamphilo Pamphilj.

E’ già nell’aria l’ascesa al soglio pontificio del cognato Giovan Battista e la “Pimpaccia” vorrà una tenuta degna del suo rango, che la vedrà poi nel ruolo di Papessa, tanto era il suo ascendente sul cognato Innocenzo X Pamphilj. La potente famiglia romana acquisirà via via sempre più terreni fino al completamento attuale da parte degli ultimi discendenti, il ramo Doria Pamphilj, per la mancanza di eredi maschi dell’ultimo dei Pamphilj, il principe Girolamo.

Quartier generale della breve ma gloriosa Repubblica Romana, fu devastata dai Francesi nell’attacco del 3 giugno 1849, dove gli alleati di Pio IX alla potenza militare aggiunsero la frode per avere la certezza di riportare la vittoria a casa e di rimettere il Papa sul trono, ancora umiliati dalla ignominiosa sconfitta subita da Garibaldi il 30 aprile. Uomini tra i più noti vi hanno combattuto, tra cui il padre del nostro Inno, Goffredo Mameli, che a soli 22 anni morì per la difesa di un ideale. Ma il Principe Filippo Andrea V Doria Pamphilj, senatore del neo Stato italiano e “primo” sindaco di Roma, artefice della ricostruzione della Villa, volle dedicare ai Francesi caduti un monumento.
Villa Pamphilj è oggi la più grande di Roma con ben 184 ettari di estensione, ricca di vegetazione autoctona e importata, fontane, giardini all’inglese, alla francese, all’italiana e addirittura uno alla toscana; contiene i resti di un antico acquedotto, corsi d’acqua, resti antichi e falsi ruderi, grotte, nonché il maestoso e meraviglioso Casino del Bel Respiro a dimostrazione dell’opulenza di quella famiglia che a Roma ha fatto la storia!

Anna Maria

Visita guidata correlata: Leggende e verità nascoste a Villa Pamphilj